Un nuovo welfare sul territorio

  1. riqualificazione ed aumento del numero degli assistenti sociali, anche attraverso forme di collaborazione con gli studenti/tirocinanti del corso di laurea in Servizio sociale dell’Università di Trieste
  2. potenziamento del servizio di assistenza domiciliare per anziani e disabili, anche attraverso la previsione della figura dell’assistente domiciliare di condominio; il servizio di supporto territoriale fornito dalle microaree (collaborazione fra Comune, Azienda sanitaria e Ater) deve essere completamente ristrutturato in quanto non riesce a rispondere alle esigenze dei cittadini in difficoltà;
  3. promozione delle iniziative tese alla valorizzazione della persona anziana nel proprio contesto familiare e nel tessuto sociale, come soggetto rilevante per la società (spazi dedicati all’interno dei vari quartieri, collaborazione con i comitati di quartiere per iniziative di tipo culturale, sociale e attività fisiche, convenzioni speciali al fine di sviluppare progetti che favoriscano il contatto tra diverse generazioni).