La transazione con Park San Giusto – Comunicato stampa dd 14 luglio 2012

3

A fine marzo è stata approvata la delibera concernente la razionalizzazione della gestione dei parcheggi a pagamento. Fra i punti approvati anche la cessione, a partire dal 2 aprile, di 138 parcheggi che da Amt sono passati in gestione a Park San Giusto, la società che sta costruendo l’omonimo parcheggio interrato. Il Comune però è intervenuto con 15 mesi di ritardo. Infatti, il contratto con Park San Giusto prevedeva che il passaggio di consegne partisse dal 1 gennaio 2011.

Ma all’epoca la giunta Dipiazza e l’assessore Rovis si dimenticano di questo impegno e ora l’amministrazione Cosolini spende 139.000 per la transazione con Park San Giusto: la cifra è scritta in una delle voci della variazione di bilancio che sarà votata lunedì sera in Consiglio comunale.

Riassumendo: 138 parcheggi quindi, per un periodo di 15 mesi, sono stati di fatto gestiti da Amt ma di diritto dovevano esser di competenza di Park San Giusto.

L’avevamo anticipato a fine marzo e domani sera (lunedì 16 luglio) il danno per il Comune di Trieste (e quindi per i cittadini) si concretizzerà nella variazione del bilancio preventivo 2012. Si perpetra un altro spreco di denaro pubblico. Per questo motivo il moVimento 5 stelle segnalerà la vicenda alla Corte dei Conti affinchè si individuino eventuali responsabilità.

Paolo Menis
Stefano Patuanelli
———————
consiglieri comunali di Trieste
gruppo “moVimento 5 stelle Trieste”
lista civica Trieste 5 stelle – beppegrillo.it

3 Commenti

  1. Il ricorso alla Corte dei Conti mi sembra tempo perso e costi aggiuntivi. La giunta Di Piazza ha omesso di ottemperare a quanto doveva; ergo i componenti di tale giunta paghino di tasca loro il danno causato ai cittadini, perchè se no non se ne esce mai,io causo i danni e comunque ci sarà sempre Pantaleo che pagherà.
    Dico si dice; chi sbaglia paga. Ma a quanto vedo non succede mai ed è ora di finirla.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.