Ferriera, Menis e Patuanelli (M5S): «Se vogliamo avere un confronto sullo sviluppo di quell’area e sulle fonti di inquinamento della nostra città facciamolo almeno partendo dai dati corretti»

0

In riferimento all’articolo pubblicato sul Piccolo di domenica 22 marzo (http://ilpiccolo.gelocal.it/trieste/cronaca/2015/03/22/news/operai-della-ferriera-solidali-con-arvedi-1.11095062?ref=search), al di là delle diverse e legittime posizioni che si possono avere sul tema Ferriera di Servola, spiace dover evidenziare una profonda inesattezza riportata dal sindacalista Antonio Rodà della Uil e non verificata dall’autore dell’articolo.

Rodà sostiene che “nel periodo in cui la centralina antinquinamento di via San Lorenzo in Selva ha fatto registrare 11 sforamenti, 8 sono stati rilevati da quella collocata in piazza Libertà. Si vogliono addossare alla Ferriera dunque tutti i mali della città ed è alla città che è stato rivolto il suo gesto, perché dal punto di vista dell’impegno imprenditoriale nulla cambia”.

Non sappiamo quali siano le fonti del sig. Rodà, le nostre sono il sito dell’Arpa Fvg. Che, per quanto riguarda le pm10, ci dice che da inizio 2015 si sono verificati 4 sforamenti giornalieri in piazza Libertà, e ben 18 nella centralina di san Lorenzo in Selva.

Se vogliamo avere un confronto sullo sviluppo di quell’area e sulle fonti di inquinamento della nostra città facciamolo almeno partendo dai dati corretti.

Paolo Menis

Stefano Patuanelli

portavoce M5S nel Consiglio comunale di Trieste

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.