Coop operaie in rosso, Menis: «Subito in Comune un incontro con i vertici dell’azienda». Ussai: «Cosa sta facendo la giunta Serracchiani?»

0

«Non cambia il trend negativo dei risultati di gestione delle Cooperative Operaie di Trieste Istria e Friuli. Il bilancio 2013, che sarà discusso la prossima settimana nelle assemblee separate delle sezioni, evidenzia un vistoso aggravamento della situazione economica e finanziaria: perdita della gestione caratteristica 9,6 milioni di euro, con una perdita di esercizio pari a 7,8 milioni (la perdita nel 2012 ammontava a quasi 5 milioni). Anche il patrimonio netto consolidato si sta progressivamente riducendo». Il portavoce M5S al Comune di Trieste Paolo Menis commenta così i risultati di gestione delle Coop Operaie.

«Con questi dati e vista la rilevanza di questa realtà per la città di Trieste (43 punti vendita, 700 dipendenti, 100 mila soci) è necessario che subito dopo le assemblee una delegazione delle Cooperative operaie incontri i capigruppo – aggiunge Menis -. È già da un paio d’anni che, a fronte di questi dati negativi, chiediamo un incontro con i vertici della cooperativa. Visto che il trend negativo non inverte la rotta – conclude – forse è il caso di occuparsene prima che sia troppo tardi».

«Vista la pesante situazione economica in cui versano le Coop Operaie ci chiediamo cosa stia facendo a riguardo la Regione, in particolare la giunta Serracchiani, che, in base alla legge regionale 27 del 2007, ha funzioni di vigilanza nel comparto delle cooperative – attacca il consigliere regionale M5S Andrea Ussai -. Nei prossimi giorni presenteremo una interrogazione alla giunta per capire – conclude – quali provvedimenti l’esecutivo regionale intenda prendere per salvaguardare il ruolo sociale ed economico che la cooperativa esercita nel territorio».

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.