Bilancio partecipato

L’incapacità di incidere sulla realtà è il motivo che ha allontanato i cittadini dalla partecipazione alla vita politica.

Ad ogni approvazione del bilancio comunale si assiste alla scandalosa spartizione delle risorse: i consiglieri si sperticano in emendamenti per ottenere l’asfaltatura di quella singola strada, il rifacimento di quello specifico marciapiede, svincolati dall’interesse pubblico e da una visione complessiva. Se ne vanno in questo modo molti milioni di euro pagati con le tasse di tutti noi. Destinare una parte importante del bilancio a scelte condivise con i cittadini è quindi un passo fondamentale per raggiungere l’obiettivo dell’interesse pubblico.

Quali dovrebbero essere gli attori di questo processo? I soggetti legati al territorio: i cittadini, le associazioni di categoria, le realtà del terzo settore, i comitati di cittadini.

Il bilancio del Comune deve diventare comprensibile a tutti i cittadini e quindi deve essere fortemente semplificato ed accessibile.