“Strozzatura” delle fontane nella Bassa friulana, Sergo (M5S): «Su questo tema delicato l’ultima parola spetta ai cittadini e agli amministratori locali»

0

«Sulla “strozzatura” delle fontane nella Bassa friulana il MoVimento 5 Stelle non ha cambiato idea: per decidere su questo tema delicato bisogna ascoltare i territori interessati dopo aver coinvolto gli enti locali». Il portavoce M5S in Consiglio regionale, Cristian Sergo, è intervenuto questa mattina alla presentazione delle due petizioni popolari (nella foto) per dire no all’articolo 50 del Piano regionale di tutela delle acque (Prta), che prevede la strozzatura dei pozzi artesiani per una portata massima d’acqua di 0,1 litri al secondo.

«Abbiamo già affrontato il problema a gennaio in IV Commissione – ha sottolineato Sergo -. Allora non eravamo riusciti a convincere la Commissione a esprimere un parere negativo all’installazione dei misuratori di portata e all’ulteriore strozzatura, però avevamo fatto inserire nel parere della Commissione la necessità di coinvolgere quanto meno i sindaci della zona. Bene, nonostante questi si siano poi espressi negativamente, questa estate la Regione ha deciso di tirare dritto per la sua strada».

«Restiamo fermamente contrari allo spreco delle risorse idriche – aggiunge il portavoce M5S -. Se da un lato evitare lo spreco di un bene comune come quello dell’acqua rimane uno dei nostri principali obiettivi, non abbiamo mai ritenuto che la strozzatura dei pozzi a uso domestico fosse la soluzione. Ecco perché, nonostante questo sia un territorio nel quale l’acqua viene utilizzata in modo molto consistente dalle industrie (a mero titolo di esempio ricordiamo che per produrre un litro di Birra vengono utilizzati 8 litri d’acqua, ovvero quasi un miliardo di litri d’acqua l’anno), ma anche per uso agricolo, con pratiche ormai non conformi a quella che dovrebbe essere l’idea di sviluppo sostenibile della nostra Regione, abbiamo ritenuto necessario – conclude Sergo – sostenere chi si oppone all’approvazione dell’art. 50 del Piano Tutela Acque voluto nel 2012 dalla giunta Tondo».

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.